Benvenuti,
questo Blog è dedicato agli argomenti di studio per i miei corsi presso Accademie, Università e Masterclass. Negli articoli qui sotto potrete trovare le indicazioni per svolgere correttamente le esercitazioni didattiche (programmi, consegne, approfondimenti, etc.)…Buon Lavoro!
L.Orlandi

Jerusalem’s Lot

Esercitazione per Progettazione Multimediale 2 – AA 2021/2022

Questa esercitazione esplora le fasi di progettazione di un set in CGI e di characters attraverso la costruzione contributi realizzati con tecniche 2D/3D (utilizzo di camera projection, matte painting, modellazione 3D, texturing, render compositing).

Punto fondamentale di questa esercitazione è la creazione guidata di flussi di lavoro di media complessità che facciano uso delle tecniche apprese (dagli schizzi preliminari all’esecutivo finale).

Racconto tratto dalla raccolta “A volte ritornano” di Stephen King (1978).

Di seguito il racconto:

Ascoltare Audiolibro su youtube PARTE 01
Ascoltare Audiolibro su youtube PARTE 02


Note generali

L’esercizio seguirà fasi differenti, ogni fase dovrà essere eseguita nei tempi stabiliti e con le modalità indicate nel corso delle lezioni.

FASE 1

Lettura, comprensione, riduzione della sceneggiatura, découpage, ricerca di fonti stilistiche ed iconografiche delle atmosfere e dei personaggi. Per le referenze – fonti stilistiche, utilizzare referenze pittoriche, cinematografiche o comunque tratte da ricerche estetiche corerenti di un autore / artista / movimento artistico.

LUOGHI:
1850 – Stati uniti – Costa del Maine (Vista atlantico).

Chapelwaite – Nome della villa e della località (fond. 1782)
Villa patronale con ampi terreni circostanti in abbandono (come la villa).

Località vicine:
Preacher’s Corners (fond.1741)
Jerusalem’s Lot (fond.1710)

Dati villa:
23 stanze
Interni dei piani superiori rivestiti da legna
Galleria dei ritratti (parenti)
Studio
Camera da Letto
Libreria/studio
Cunicoli, corridoi, intercapedini segrete.
Rumori dietro le pareti – attribuiti ad enormi topi, poi ad altre creature
(suoni strascicati, passi, risa).
Cucina – Cantina (a cui si accede da botola).
Scala ripida e sconnessa da cui cadde Marcella Boone (morta).

Jerusalem’s Lot:
fondata nel 1710 – (abitanti tutti scomparsi il 31/10/1789:
Strada di ingresso al paese pavimentata da tronchi
Corso d’acqua (torrente con sottofondo di sassi)
Paese abbandonato (città sfuggita)
Stile Puritano.
Non ci sono segni di vandalismo, tutto è intatto, le case, la locanda, etc.
Tutti gli edifici contengono mobili e suppellettili integri.
I segni di degrado sono la polvere e danni dovuti al meteo.
Odore di marcio, di corruzione ovunque.
Non troviamo tracce di vita animale.

Chiesa di Jerusalem’s Lot
(tensione crescente / t.p.)
Lungo vestibolo nella penombra, decorato.
Dipindo “alla maniera carnosa di Rubens”, con la parodia dissacrante della vergine
con bambino e “strane creature che strisciano e si sollazzano nello sfondo”.
Interno della chiesa con navata (luce che entra da vetrate),
banchi e in fondo altare di quercia, nartece decorato con ori.
Croce decorata in oro e capovolta (caduta, staccata?)
Durante seconda visita (banchi divelti, carcassa agnello, segni di devastazione)


Props:
Libro “De Vermis Mysteriis” (GRANDE e ANTICO)
Scritto in latino e in rune – lingue druidiche / pre-celtiche.

Nota: “Sono convinto che già da tempo si fossero consacrati a ignoti poteri senza volto che esistono oltre i confini dell’universo; poteri che potrebbero esistere al di là del tessuto stesso del tempo.”
Documenti crifrati (scritti in codice crittografico semplice) che descrivono la storia della famiglia (scritti da Robert Boone).

Charles Boone – protagonista ed erede della famiglia (vedovo, salute cagionevole)
Cal (Calvin) McCann – servitore (solido, efficiente)- co-protagonista


Personaggi:

Stephen Boone – ultimo cugino morto e precipitato “in incidente”. – comparsa
Sig.ra Cloris – domestica, saggia e conoscitrice dei segreti della villa e del villaggio. – personaggio secondario
Sig. Thompson – ubriacone, violento (paura dei Boone)- comparsa
Robert Boone – nonno del protagonista che “emigra” dopo lite con fratello – comparsa

Marcella Boone – morta cadendo dalla scala in cantina / collo fratturato(non-morta?) – personaggio secondario / antagonista
Philip Boone – suicida in cantina / impiccato / suicida (non-morto?) – personaggio secondario / antagonista
James Boone – Predicatore “puritano scissionista” fondatore di J.Lot (non-morto)? – personaggio secondario / antagonista
Verme – segmento – antagonista

James Robert Boone II – ultimo erede. – comparsa (1971)

© Luca Francesco Maria Orlandi
Director of Photography (AIC - Imago), Art Director, Lecturer in Multimedia Design (Accademy of Fine Arts, Verona).